Diffrazioni

disco cd

Di cosa è fatta la luce? Di raggi luminosi, si credeva un tempo. E com’è fatto un singolo raggio? Nel ‘600 cercarono di vederlo, il singolo raggio. «Basterà indirizzare la luce verso un buco talmente piccolo da lasciar passare un solo raggio», pensavano. Ma quando s’infilò nel pertugio, la luce sembrò impazzire. Si diffuse in modo imprevedibile, disegnando tutt’intorno figure colorate.

Francesco Maria Grimaldi, gesuita bolognese, chiamò questa strana cosa diffractus, de-frangere. È l’onda luminosa che si rompe in pezzi che prendono strade diverse. Poi si rincontrano e si rimettono insieme. Insomma, è la luce che gioca.

Cercare le diffrazioni, significa lasciarsi sorprendere da quello che succede quando si va a sbattere contro un ostacolo.

In questo blog presento e racconto la mia attività di formazione e consulenza. La mia speranza è di incontrare molte diffrazioni, cioè ostacoli che si trasformano in opportunità di vedere le cose sotto una luce diversa.